15 / 10 / 2018
Menu Principale
News dall'AISU
AISU 4.0
Congressi
Twitter
Facebook Like Box

E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2018

Link


Nuova scadenza Call for Session - 21 ottobre 2018

Vai alla pagina


Bologna 2019 - Informazioni

 

 
AISU Bologna 2019
 
Home   animated-star-image-0165 Date Importanti     Registrazione   animated-star-image-0165  Call for Sessions    Programma
   Organizzazione
   Informazioni

 

Il Congresso si terrà nelle sedi dell'università di Bologna Alma Mater Studiorum

L'Università di Bologna ha origini molto antiche che la indicano come la prima Università del mondo occidentale, dal 1088. La sua storia si intreccia con quella di grandi personaggi che operarono nel campo della scienza e delle lettere ed è riferimento imprescindibile nel panorama della cultura europea.

Link https://www.unibo.it/it

Virtual tour https://www.unibo.it/en/university/who-we-are/virtual-tour-of-several-sites-of-the-university-of-bologna

 

Bologna: lo spirito di una città

Il primo passo per prendere confidenza con Bologna, la sua storia e la sua identità è osservare la grande mappa che si trova al primo piano del Palazzo Comunale: vi si riconoscono le tracce delle antiche mura, le strade radiali, di impronta medievale, le direttrici  perpendicolari che caratterizzano Bononia, e quel comune denominatore che è il rosso dei mattoni. Non ci resta che fare un giro alla ricerca dell’identità bolognese. Lasciandoci alle spalle Porta Maggiore, ci inoltriamo per l’omonima via (il decumano di Bononia). Ci troviamo in una delle strade più eleganti, affiancate da palazzi senatori e dotate di portici, caratteristica di Bologna. Al n. 19 Casa Isolani custodisce portici medievali.  Le strade che partono a raggera dalle Due Torri infatti ospitano i palazzi rinascimentali e barocchi che custodiscono veri tesori d’arte, opera dei più famosi artisti locali. Risalendo verso il centro, ecco apparire le Due Torri: l’architettura audace di queste severe fortificazioni ci racconta di famiglie rivali, di un passato tumultuoso e guerresco. A partire da Piazza Ravegnana si allunga via Zamboni, cuore dell’università dall’inizio del 19° secolo (mentre la prima sede dell’Università è il prestigioso Palazzo dell’Archiginnasio, non lontano da Piazza Maggiore). Sulla strada  si affacciano il Teatro Comunale, il Conservatorio e molte delle facoltà universitarie, che hanno sede negli antichi palazzi. Il viavai di studenti ad ogni ora del giorno e della notte rende l’ambiente estremamente vivace. Adiacente alla strada, il caratteristico ghetto ebraico rappresenta la memoria della comunità che entrò a far parte della nostra città fin dal Medio Evo, con alterne e fortunose vicende. Tornando verso le Due Torri, osservato il Palazzo dei Mercanti, ci accoglie il  “Mercato di mezzo”: qui le strade sono invase dai turisti, mentre aleggia ovunque un delizioso profumo di mortadella, di formaggio, di crescentine. Il mercato ha subito da qualche anno un robusto restyling. La scomparsa di alcuni negozi tipici è stata ricompensata dal proliferare di ristoranti e botteghe che offrono il meglio della gastronomia locale. Dalle pittoresche stradine si intravede finalmente la grande Piazza: abbiamo raggiunto il vero cuore di Bologna. Circondata dagli antichi palazzi che furono sede del governo cittadino e dalla magnifica Basilica di San Petronio, Piazza Maggiore conserva tuttavia un non so che di familiare, intimo, grazie agli edifici che l’affiancano e che, restaurati da Rubbiani e dagli architetti della sua cerchia (fine del 19° secolo,) ci fanno rivivere l’atmosfera suggestiva della città comunale. Nata nel Medio Evo con una forte vocazione sociale, la piazza la conserva e la esalta. E intanto la città si rinnova “dentro”. Sempre più multietnica, sempre attenta alle novità, offre iniziative e spettacoli di vario genere, che si svogono anche negli spazi recentemente riscoperti e restaurati, e che costituiscono nuovi poli museali permanenti.
Bologna non è solo il suo centro. Esiste poi la città fuori le mura, ricca di belle ville, di vasti parchi e antiche chiese che ci rivelano un legame indissolubile fra la città e la sua collina, di cui l’esempio più suggestivo è il lungo portico che, partendo dal centro cittadino, accompagna l’andamento sinuoso del colle fino al Santuario di San Luca, meta di pellegrinaggi, passeggiate e imprese atletiche. La città degli affari si trova nel moderno quartiere fieristico, progettato da Kenzo Tange, dove è anche la sede della Regione Emilia-Romagna. Le fiere si susseguono tutto l’anno e vi si espongono i più svariati prodotti, mentre lungo la via Emilia si trovano molte industrie e manifatture. Fra le nuove risorse e attrattive non dimentichiamo poi il grande parco agroalimentare di FICO, con i suoi 20.000 mq di orti, frutteti e fabbriche contadine che si possono visitare con guide specializzate.
Bologna: una città piena di sorprese! 



 

- ... 

 

Select language

Calendar
Ottobre 2018
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
I Viaggi dell'AISU
Le città italiane come patrimonio culturale
Città e Storia
EAUH Rome 2018
Food and The City