18 / 01 / 2020
Menu Principale
News dall'AISU
AISU 4.0
Congressi
Twitter
Facebook Like Box

E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


E' attiva la pagina per l'iscrizione AISU 2019

Link


POSTICIPO Scadenza Call for Paper - 10 febbraio 2019

Vai alla pagina


MACRO SESSIONE C - Turismo, città e infrastrutture

AISU Napoli 2017
 
 Home    animated-star-image-0163  Iscrizioni AISU 2017 
   Registrazione al Convegno      animated-star-image-0165  Date Importanti      Programma   
   Organizzazione   
   Informazioni 

 

Macro Sessione C: Turismo, città e infrastrutture
(coord. user female Elena Manzo, user business Luca Mocarelli, user business Massimiliano Savorra)
 

La pratica del viaggio verso mete religiose o laiche è già diffusa nel corso dell’età moderna, che è stata definita età proto-turistica, e aveva principalmente finalità religiose, di istruzione, curative, di affari e di lavoro. Solo a partire dalla rivoluzione industriale, grazie all’incremento dei redditi, all’invenzione del tempo libero e alle grandi innovazioni nel campo dei trasporti, a cominciare dalla ferrovia, si afferma il turismo moderno e acquista una crescente importanza tra le motivazioni di viaggio quella dello svago e del loisir che porta a valorizzare in chiave turistica ambienti prima poco frequentati come il mare e la montagna. Nel corso del XIX secolo il “turismo” diventa anche una categoria culturale e si allarga la platea dei soggetti interessati a questa nuova pratica che si allarga progressivamente prima al ceto medio e imprenditoriale e poi anche agli operai che iniziano a spostarsi per raggiungere i luoghi delle vacanze. 

Nell’ultimo quarto del XIX secolo la città industriale, organizzando il suo territorio in espansione in base ad aree omogenee, in contrapposizione alla cosiddetta “città del lavoro”, per seguire delle categorie suggerite da Max Weber, dà vita a nuove tipologie architettoniche, che rispondono a tali mutate esigenze sociali ed emerge un sistema di poli di attrazione, costituito dai nuovi luoghi del turismo borghese e di élite: sono le “città del loisir”. Qui, la nuova classe emergente può rendere “fruttuoso” il suo tempo libero senza avere scrupoli di ozio improduttivo, giacché, sempre più frequentemente, tra cure per la salute fisica e momenti di svago, si tessevano relazioni e si concludevano affari.

Nei decenni successivi la pratica del turismo legato allo svago e alla vacanza si incrementa diventando progressivamente un fenomeno sociale di massa e planetario, grazie prima all’avvento dell’automobile e poi dell’aviazione. Di fatto, ad essa sono strettamente collegate le trasformazioni del territorio urbano ed extraurbano (basti pensare al fenomeno delle seconde case), l’adeguamento, l’ammodernamento e il potenziamento delle infrastrutture (dalle strade, agli impianti di risalita, ai porti) e l’evoluzione dei servizi, al punto che gran parte degli elementi del paesaggio antropico – in maniera diretta o indiretta – ne risultano profondamente segnati. Si tratta di una grande e profonda trasformazione dello spazio geografico che può essere compresa solo in una prospettiva interdisciplinare che chiama in causa la storia, l’economia, la demografia, la dimensione politico-istituzionale e che si declina con evidenti articolazioni e differenziazioni locali.

Nel proporre diversi piani d’analisi e riflessioni (strutturali, congiunturali, istituzionali, relazionali), la Macrosessione intende analizzare, sia temi e questioni legati ai cambiamenti dello spazio geografico per adeguarsi ai flussi di mobilità turistica, sia le trasformazioni del territorio urbano ed extraurbano in vista dell’accoglienza dei viaggiatori e dei turisti. L’obiettivo è quindi quello di riflettere, secondo differenti prospettive di indagini e di approccio disciplinare, sui rapporti tra spazio geografico e mobilità, su connettività o accessibilità delle reti infrastrutturali, sulle complesse interazioni tra flussi turistici e territorio che chiama in causa la costruzione dell’immagine turistica e la profonda trasformazione del comparto dei servizi. 

 

Temi:

- Viaggi, infrastrutture e servizi nell’età preindustriale

- Dal turismo d’élite al turismo di massa: territorio e città 

- Alberghi, locande, stalle, vetture, stazioni di ristoro, di posta e di frontiera

- I complessi alberghieri e i grand hotel per il turismo balneare e termale 

- Case per la villeggiatura, case per il fine settimana 

- Gli impianti montani

- I “percorsi” del viaggiatore: le strade nel paesaggio

- I “percorsi” del turista: lungomari, passeggiate, gran viali, strade panoramiche, belvedere

- I percorsi per il turista: lungomari, passeggiate, gran viali, strade panoramiche, belvedere

- Il riuso e la rigenerazione in chiave turistica delle ex aree industriali

- Il turismo congressuale e fieristico

- Il turismo in movimento: motel e stazioni di servizio

- Istituzioni e infrastrutturazione turistica: associazionismo, istituzioni locali e centrali

- L’ingegneria per il turismo: bonifiche, risanamenti, colmate

- Le grandi infrastrutture per il turismo moderno: ferrovie, porti, autostrade

- Parchi, pinete, giardini, viali alberati: il verde al servizio del turista

- Pianificazione e progettazione di nuovi insediamenti e città per il turismo

- Riviere, coste, spiagge: le attrezzature permanenti e provvisorie per il turismo balneare (stabilimenti, chioschi, kursaal, padiglioni per le feste, casinò)

 P

Select language

Calendar
Gennaio 2020
L M M G V S D
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
I Viaggi dell'AISU
Le città italiane come patrimonio culturale
Città e Storia
Food and The City
The City, the Travel, the Tourism